foto: A. Bincoletto (NON COMMESTIBILE)
foto: A. Bincoletto (NON COMMESTIBILE)

Tuber melanosporum Vittadini 1831


carpoforo: ipogeo, 2-10 cm, irregolarmente subgloboso, gibboso, appiattito oppure formante lobi molto pronunciati di colore bruno nero a maturità, coperto da verruche non molto grandi, piatte, suddivise da giovane, si presenta di colore bruno rossastro molto caratteristico che lo fa distinguere dal gruppo dei tartufi neri.

gleba: da giovane bianca, poi grigio brunastra, infine a maturità violetto nerastra, vene aerifere molto fitte formanti una marezzatura caratteristica.

odore: molto gradevole, fruttato che ricorda un po’ le fragole ma anche le castagne cotte.

aschi: contenenti, di norma, 2-4 spore, rare volte fino a 5.

ascospore: (26)-28,8 x 31,2-(38) µm, ricoperte da aculei bruno nerastri a maturità, ellittiche, di aspetto opaco molto caratteristico.

Osservazioni: specie abbastanza comune nel Parco di Monza, vive in simbiosi micorrizica con varie specie di quercia, crescita tardo autunno inverno, non molto profonda e percepita dai cani.


Copyright Gruppo Micologico Vittadini Monza

 

 

LUNEDì 18 SETTEMBRE - Conviviale in sede

 

LUNEDì 25 SETTEMBRE: Commento e spiegazione dei funghi portati dai soci

-30/04 Aggiornato l'elenco delle cariche sociali


  1. Coniophora puteana.

I funghi ci vengono a trovare in casa.

Centro studi del Gruppo "C. Vittadini" Monza - Cascina Bastia.