foto: S. Tremolada (COMMESTIBILE)
foto: S. Tremolada (COMMESTIBILE)

Stropharia rugosoannulata Farlow ex Murrill 1922


Sinonimo: Stropharia ferrii Bresadola

cappello: 5-20 cm, inizialmente subgloboso, emisferico, poi piano-convesso, piano; cuticola lucida, glabra, fibrillosa, di colore bruno-porpora violacea (pallida, di un giallo paglierino nella forma lutea Hongo, nell’immagine presentata).

lamelle: annesse al gambo, abbastanza fitte, larghe, inizialmente grigiastre, poi grigio-viola, viola scuro, filo finemente eroso.

gambo: 7-15 x 1-3,5 cm, cilindrico, con base a volte allargata subbulbosa, pieno, da glabro a fioccoso, bianco verso l’alto, giallognolo verso la base, con anello membranoso molto ampio.

carne: bianca, con odore da subnullo a leggermente fenico, sapore mite.

spore: viola, ellissoidi, lisce e con poro germinativo, 10-12 x 6-7,5 µm.

habitat: in boschetti di latifoglie, generalmente in terreno degradato sabbioso, fra ortiche, detriti e frustuli, a crescita gregaria, dalla primavera all’autunno.

Osservazioni: le specie appartenenti al genere Stropharia sono funghi con cuticola viscida, generalmente omogenei, con lamelle annesse e spore viola bruno-viola, con anello. Stropharia rugosoannulata, fungo commestibile, si riconosce per la sua grossa taglia, per il cappello viscido e colorato di bruno porpora (giallo paglierino nella forma lutea), per le lamelle grigio-viola, per il gambo biancastro con anello membranoso molto ampio.


Copyright Gruppo Micologico Vittadini Monza

 

 

LUNEDì 18 SETTEMBRE - Conviviale in sede

 

LUNEDì 25 SETTEMBRE: Commento e spiegazione dei funghi portati dai soci

-30/04 Aggiornato l'elenco delle cariche sociali


  1. Coniophora puteana.

I funghi ci vengono a trovare in casa.

Centro studi del Gruppo "C. Vittadini" Monza - Cascina Bastia.