foto: S. Tremolada (NON COMMESTIBILE)
foto: S. Tremolada (NON COMMESTIBILE)

Fomes fomentarius (Linneo : Fries) Fries 1849


Sinonimi: Polyporus inzengae Cesati & De Notaris
carpoforo: fruttificazione pluriennale, da sessili a dimidiati ungulati, largamente fissato al substrato, può raggiungere notevoli dimensioni, 30-40 cm di diametro, per un peso di oltre 2 kg, caratteristicamente a forma di zoccolo o mensoliforme, a consistenza legnosa; superficie pileica zonata, solcata concentricamente, ondulata, liscia, con una crosta dura, colore da bruno scuro a ocra rossastro nel giovane, grigio bruno chiaro da vecchio; margine ottuso, finemente feltrato.

Imenio: a tuboli, superficie inferiore poroide, crema ocracea, scurente al tocco; pori piccoli rotondi brunastri; tubuli pluristratificati, spessi fino a 5 mm.

carne: trama suberosa, tenace, brunastra, odore gradevole fungino, sapore amaro

spore: cilindriche ellissoidali, ialine, 5,5-7 x 15-18 µm.

habitat: cresce su latifoglie viventi, ritrovato su: faggio, quercia, carpino, platano e tiglio

Osservazioni: specie parassita, determina una carie (marciume) del legno che assume una colorazione bianca a chiazze. molto rapida e intensa; il legno diventa molto fragile e si frattura lungo gli anelli annuali di crescita, dopo la caduta della pianta continua a fruttificare sui resti della stessa. Conosciuto fin dalla antichità, veniva utilizzato per accendere il fuoco (fungo dell’esca).

 

Copyright Gruppo Micologico Vittadini Monza

 

 

LUNEDì 18 SETTEMBRE - Conviviale in sede

 

LUNEDì 25 SETTEMBRE: Commento e spiegazione dei funghi portati dai soci

-30/04 Aggiornato l'elenco delle cariche sociali


  1. Coniophora puteana.

I funghi ci vengono a trovare in casa.

Centro studi del Gruppo "C. Vittadini" Monza - Cascina Bastia.