foto: S. Aiana (MORTALE)
foto: S. Aiana (MORTALE)

Cortinarius orellanus Fries 1838


cappello: 3-8 cm, inizialmente emisferico campanulato, poi piano-convesso, margine sovente lacerato; cuticola asciutta, opaca tomentosa, di colore bruno mattone, bruno fulvastro.

lamelle: smarginate al gambo, rade, abbastanza spesse, larghe e ventricose, giallo-arancio, poi bruno fulvo rugginoso, filo finemente eroso.

gambo: 4-8 x 0,6-1,2 cm, cilindrico, sovente anche fusiforme, incurvato, pieno, concolore al cappello ma più giallognolo all’apice, coperto da fibrille rugginose, cortina evidente nel giovane.

carne: ocra arancio, bruno-fulvo, odore leggermente rafanoide, sapore non provato!.

spore: bruno rugginoso, amigdaliformi, verrucose, 9-12 x 6-8 µm.

habitat: in boschi di latifoglie, generalmente sotto querce e castagni, a crescita da gregaria a subcespitosa, in estate-autunno.

Osservazioni: le specie appartenenti al genere Cortinarius sono funghi omogenei, con lamelle smarginate e spore bruno-ocra rugginoso, sempre con cortina generalmente visibile nel giovane; questo genere annovera funghi di forma, dimensioni e colori molto variabile, ma tutti con cortina e spore rugginose a tonalità calda. Cortinarius orellanus è fungo tossico, potenzialmente mortale almeno al pari di Amanita phalloides, e, fra le specie congeneri, si riconosce per il cappello bruno mattone, asciutto e opaco, per le lamelle spesse e rade.

Copyright Gruppo Micologico Vittadini Monza

 

 Lunedì 16 ottobre spiegazione dal vero dei funghi portati in sede.

 

-30/04 Aggiornato l'elenco delle cariche sociali


  1. Coniophora puteana.

I funghi ci vengono a trovare in casa.

Centro studi del Gruppo "C. Vittadini" Monza - Cascina Bastia.