Agaricus macrocarpus F.H. Møller 1952

Note: Agaricus macrocarpus, specie di grossa taglia con odore di anice crescente perlopiù in boschi di Picea, per via del gambo con base bulbosa è strettamente correlato ad Agaricus silvicola eAgaricus tenuivolvatus. Tra questi, si fa riconoscere per la grande taglia, con cappello a lungo bianco, le spore relativamente grandi, e per la presenza di cheilocistidi con apice a papilla.

Anche A. tenuivolvatus ha cheilocistidi ad apice papillato, a forma di bottiglia, misti a cheilocistidi vescicolosi, piriformi, ma si presenta con il cappello presto di colore giallo zolfo, giallo albicocca, fioccoso, e con spore più piccole, subsferiche-ovoidali. A. silvicola è di taglia minore, dal portamento più slanciato, e con cheilocistidi tutti vescicolosi, piriformi, senza apice papillato. Altro Agaricus di grossa taglia e con odore di anice che raggiunge notevoli dimensioni è Agaricus urinascens (= A. macrosporus) con la sua var. excellens, distinti benissimo almeno per le spore molto grandi > 10 µm.


 Lunedì 16 ottobre spiegazione dal vero dei funghi portati in sede.

 

-30/04 Aggiornato l'elenco delle cariche sociali


  1. Coniophora puteana.

I funghi ci vengono a trovare in casa.

Centro studi del Gruppo "C. Vittadini" Monza - Cascina Bastia.